lunedì 22 novembre 2010

La lista dei valori del Gabibbo

Ehi, vi ricordate di ScaricaBile, la rivista molestissima? Ora si è fatta un nuovo fucking sito dove trovate tante, tante meraviglie satiriche sponsorizzate dall'illustre Martufello. Recatevici.

(Dopo la lista dei valori di destra e sinistra letti a “Vieni via con me”, “Terra” è felice di presentare questo inedito sui valori di un’altro credo politico-filosofico. Per amore della par condicio.)

Noi Gabibbi amiamo l’Italia e la difendiamo dando cazzotti in faccia ai besughi che fanno i furbi. Per noi Gabibbi ogni cittadino italiano ha pari dignità ed è libero di fare il pubblico in tv, a patto che batta le mani quando si illumina la scritta “applausi”. A noi Gabibbi ci piace la figa e andiamo sempre in giro con una bionda e una mora, per dimostrarlo agli occhi di tutti. Non ci piacciono i soprusi: quando ne scoviamo uno, corriamo subito sul posto e riprendiamo tutto. Se ci riesce, intervistiamo il malfattore. Durante tali interviste, noi Gabibbi muoviamo su e giù la testa, per fare finta d’avere un encefalo.

A nessuno interessa sapere chi è dentro noi, chi ci muove. Può essere un nano o Bin Laden. L’importante è avere una voce buffa e spaccare la faccia ai besughi.

Quando un Gabibbo guarda un lavoratore, si chiede chi glielo fa fare, a lavorare, visto che è molto più facile farsi manovrare da qualcuno che indossa la tua pelle. Besugo! Quando un Gabibbo vede gli uomini fare la guerra, li biasima, perché sa che tutti i conflitti possono essere con un sano “belandi”. O al limite mandando un SMS a “SOS Gabibbo” – e noi subito andiamo, per esempio, in Afganistan.

E i Gabibbi riconoscono che l’ambiente è davvero la nostra casa, che la Terra va amata e rispettata. Con tecnologie nuove e pulite, energie rinnovabili. Rinunciando all’automobile, come fa 100% Brumotti. Concludendo, ogni Gabibbo lavora per un futuro migliore, un futuro dove Capitan Ventosa dirige la DIA e Stefania Petix è costretta ad ingoiare il suo bassotto.

Ma soprattutto, un bravo Gabibbo se ne batte il cazzo di tutto, perché sa che a fine giornata, viene buttato in uno sgabuzzino e bella lì. Fino alla prossima besugata, s’intende.

1 commento:

  1. invidio la vita dei gabibbi ma soprattutto il loro ripostiglio..

    RispondiElimina